’’De Ketelaere’’ VUOLE IL RISCATTO: torna nell’Under 21 del Belgio per convincere il Milan di Mr.Pioli

’’De Ketelaere’’ VUOLE IL RISCATTO: torna nell’Under 21 del Belgio per convincere il Milan di Mr.Pioli

A volte per fare un passo avanti serve prima farne uno indietro. La prima stagione di Charles De Ketelaere con il Milan è stata altamente al di sotto delle aspettative e la parabola discendente si riflette anche sul percorso con la nazionale. Lo scorso inverno la spedizione mondiale in Qatar con il Belgio, ma ora anche i Diavoli Rossi sono pronti a una scelta drastica.

TORNA IN UNDER – Secondo quanto riferito da La Gazzetta dello Sport infatti, il ct Domenico Tedesco difficilmente convocherà CDK per gli impegni di giugno contro Austria ed Estonia (match validi per le qualificazioni a Euro 2024) dopo avergli concesso solo 22 minuti nell’amichevole con la Germania dello scorso marzo. L’idea, invece, è che l’ex Bruges segua l’Under 21 all’Europeo di categoria che si giocherà tra Romania e Georgia tra fine giugno e inizio luglio e vedrà i Diavoletti incontrare Olanda, Georgia e Portogallo nella fase a gironi. De Ketelaere, come il compagno in rossonero Aster Vranckx, figura nella lista dei pre-convocati, già arrivata nella sede del Milan, e l’idea del classe 2001, si legge, è di rispondere positivamente alla chiamata del ct del Belgio U21 Jacky Mathijssen.

MILAN DA CONVINCERE – Un passo indietro con la nazionale per rilanciarsi, anche perché il futuro è ancora da definire. Paolo Maldini, dopo l’eliminazione con l’Inter in semifinale di Champions League, aveva ribadito la fiducia a de Ketelaere: “E’ un esempio di giocatore che deve crescere”. Tuttavia, dopo la vittoria con la Sampdoria in Serie A, Stefano Pioli aveva preso un’altra strada lasciando la porta aperta a diversi scenari: “Valuteremo tutto alla fine del campionato”. De Ketelaere lontano dal Milan è dunque un’ipotesi sul tavolo, ma ci sono determinate condizioni che non possono essere ignorate. Prima di tutto quei 35 milioni di euro investiti la scorsa estate per strapparlo al Bruges e che oggi, dopo una stagione estremamente deludente, difficilmente possono essere recuperati con una cessione a titolo definitivo. Più plausibile un altro scenario, la partenza in prestito per ritrovare fiducia e continuità altrove per tornare più maturo a Milanello: molto dipenderà dalla volontà del ragazzo e da altri incastri di mercato sulla trequarti (cosa succederà con Brahim Diaz e l’opzione Daichi Kamada), ma tra poche settimane la stagione si chiuderà e ci saranno confronti tra dirigenza rossonera ed entourage per valutare la soluzione migliore. In mezzo un Europeo con i giovani del Belgio: può diventare il primo trampolino per il rilancio di De Ketelaere.

<

PAGINE SOCIAL